Green Marketing: per le vendite e per l’ambiente

//Green Marketing: per le vendite e per l’ambiente

Green Marketing: per le vendite e per l’ambiente

Sentiamo sempre più spesso parlare di green marketing e la Pandemia ha accelerato la svolta verde di aziende e consumatori. Ormai, i beni di consumo prodotti a basso costo e la spesso citata mentalità dell’usa e getta dei consumatori hanno un impatto negativo sull’ambiente e sulle condizioni di lavoro in molti paesi produttori. Tuttavia, la maggior parte delle persone è diventata pienamente consapevole della portata di questi problemi negli ultimi anni, sia attraverso campagne educative di ONG o informazioni raccolte con sempre maggiore facilità in internet, nei canali sociale e altro. Le immagini dei bambini che lavorano nelle fabbriche tessili, gli accumuli di spazzatura sulle spiagge, l’inquinamento degli oceani, il problema della plastica e la plastica nello stomaco degli animali morti hanno portato gradualmente a un ripensamento. 

Oggi sta diventando sempre più importante che i consumatori consumino consapevolmente e con la coscienza pulita. È qui che entra in gioco il marketing verde. È uno strumento per le aziende per comunicare strategie di produzione sostenibili e attività rispettose dell’ambiente e in questo modo acquisire nuovi clienti o fidelizzare i clienti esistenti a lungo termine. 

Cos’è il marketing verde? Definizione e sfondi 

Green marketing, eco-marketing, marketing orientato all’ecologia, marketing sostenibile: tutti questi termini, usati più o meno come sinonimi, ruotano attorno al marketing di successo di prodotti realizzati in modo sostenibile.  

Nel contesto economico, per green marketing si intende l’insieme di tutte le iniziative pubblicitarie e informative che promuovono o sottolineano la compatibilità ambientale dei prodotti o la sostenibilità della filiera. Non si tratta solo di convincere i clienti della sostenibilità dei propri prodotti o servizi con misure pubblicitarie mirate. Il termine comprende anche tutte le misure che hanno un impatto sul miglioramento dell’equilibrio ambientale di un’azienda o dei suoi processi produttivi. 

Il marketing verde è la parte della gestione aziendale sostenibile che riduce l’impatto dannoso di tutti gli aspetti legati al mercato di vendita della produzione e dell’uso dei prodotti sull’ambiente e sulle persone e, idealmente, li evita completamente. L’obiettivo è progettare la produzione, la commercializzazione e l’uso di un prodotto in modo tale che i clienti siano incoraggiati a consumare in modo consapevole e sostenibile. 

Marketing responsabile 

In un mondo che soffre sempre più dei peccati ambientali del presente e del passato, ogni piccolo passo verso un consumo ecosostenibile e sostenibile è importante. Le ONG, le istituzioni educative ei media sono i principali responsabili della fornitura di informazioni sui problemi ambientali. Forniscono informazioni sulle cause e le conseguenze a lungo termine e propongono soluzioni per migliorare la situazione attuale. Ma le aziende possono anche assumersi responsabilità e agire nell’ambito della responsabilità sociale d’impresa. Ciò significa che non solo agiscono in modo orientato alla vendita, ma tengono anche conto degli aspetti sociali, ecologici ed etici nelle loro decisioni. 

In questo concetto generale, il marketing verde è la sotto area che si concentra su un orientamento sostenibile e rispettoso dell’ambiente delle misure di marketing. Per dirla semplicemente, si tratta di includere gli aspetti ecologici in tutte le aree del marketing. La base per questo è il classico marketing mix con i suoi quattro pilastri, che sono anche indicati come le 4P del marketing: 

Prodotto (politica del prodotto) 

Prezzo (Politica dei prezzi) 

Posizionamento (politica di vendita) 

Promozione (politica di comunicazione) 

Ogni singola area può essere resa “più verde” attraverso misure ecologicamente orientate. Le possibilità vanno da imballaggi realizzati con materiali riciclati e canali di vendita più rispettosi dell’ambiente a modelli di leasing o deposito invece delle vendite tradizionali. 

Implementazione e vantaggi del marketing verde 

Esistono diversi modi per stabilire il marketing verde in un’azienda. Si basano su quanto fortemente l’azienda vuole posizionarsi e su quale sforzo (finanziario e umano) può/deve essere fatto per raggiungere questo obiettivo. 

Si può agire in modo passivo: vengono implementate solo le leggi e i regolamenti applicabili. 

Si può agire in modo selettivo: la selezione delle misure ecologiche si basa sulla concorrenza e va al massimo al di là dei loro sforzi 

Si può agire all’interno, quando il marketing verde si concentra sui processi aziendali interni come sviluppo e produzione. 

Infine, l’ideale, è il green marketing produttivo: viene sviluppata un’eco-strategia completa che non solo si basa su metodi già noti e collaudati, ma intraprende anche percorsi innovativi nell’area della protezione ambientale e della sostenibilità. L’obiettivo è stabilire nuovi standard e fungere da modello. 

Le 4 P del marketing nel green marketing 

A seconda dell’orientamento scelto, il green marketing può riflettersi nel classico marketing mix 4P come segue: 

  • Politica del prodotto: il prodotto deve essere realizzato con materiali naturali o almeno ecologici. Nel migliore dei casi, non solo aiuta a proteggere la natura, ma aiuta anche ad alleviare i danni ambientali esistenti. 
  • Politica dei prezzi: i costi aggiuntivi che derivano dall’attenzione agli aspetti ecologici possono riflettersi nel prezzo con moderazione. Se l’aumento di prezzo viene comunicato in modo trasparente e plausibile, molti consumatori sono disposti a pagare un prezzo più alto per i beni prodotti in modo sostenibile. Eventualmente, si può ricorrere anche a opzioni di leasing o condivisione, che hanno allo stesso tempo componenti di risparmio di risorse e sociali. 
  • Politica di vendita: determinanti per l’impronta ecologica di un prodotto sono anche i percorsi di trasporto necessari nell’ambito di un ciclo produttivo e i canali di distribuzione. Dovrebbero pertanto essere organizzati il ​​più possibile rispettosi dell’ambiente e delle risorse. Ciò può essere ottenuto, ad esempio, utilizzando materie prime a chilometri zero 
  • Comunicazione: da un lato, si tratta di rendere le misure pubblicitarie il più rispettose possibile dell’ambiente, ad es. facendo a meno di materiali cartacei, fra l’altro obsoleti e l’uso preferenziale dei media online. D’altra parte, è necessario sviluppare una strategia di comunicazione per le attività ambientali dell’azienda. L’obiettivo è informare i clienti (futuri) e legarli a lungo termine. 

In definitiva, ogni azienda deve decidere da sola quanto seriamente implementare le strategie di marketing verde e come e quanto comunicarle al mondo esterno. È importante che la procedura sia credibile, altrimenti l’accusa di cosiddetto greenwashing, ovvero darsi una semplice mano di “vernice verde” sarà davvero contro produttivo: questo termine, che ha una connotazione molto negativa, descrive misure di PR che presentano un’azienda o singoli prodotti come particolarmente rispettosi dell’ambiente e sostenibili, senza che ciò corrisponda alla realtà. I consumatori sono quindi deliberatamente ingannati per ottenere vantaggi competitivi nel breve termine. Tuttavia, un tale approccio provoca danni permanenti all’immagine di un’azienda. 

By |2022-06-22T15:44:44+02:00Luglio 18th, 2022|Marketing|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
WhatsApp Chatta con noi
Chiama
Dove siamo
PORTFOLIO