La potenza del digitale

//La potenza del digitale

La potenza del digitale

La potenza del digitale: immaginiamo un mondo senza. Probabilmente sono molti in questi giorni a chiedersi come sarebbe la dura quarantena che stiamo subendo senza l’accesso al digitale.

E come alcuni settori, come la scuola e il terziario, che hanno sempre considerato le lezioni telematiche e lo smart working con molta diffidenza, hanno dovuto farvi ricorso come unica risorsa possibile.

Eppure, moltissimi settori, oggi, potrebbero usufruire dello smart working con risparmio di tempo, di carburante, minore possibilità di infortuni, e molto altro.

Probabilmente, sino ad oggi, il datore di lavoro non si è fidato, pensando che l’occhio del padrone ingrassa il cavallo, confondendo tempo con produttività.

Ma oltre a questo, è solo immaginabile lo smarrimento che proveremmo se fossimo del tutto esclusi dalle notizie, se non quelle, battenti ma tutto sommato scarne, che ci giungono dalle trasmissioni televisive.

Se potessimo stare in contatto con parenti e amici solo attraverso telefono.

Se non potessimo condividere in tempo reale le nostre ansie, la depressione, lo sconforto, le pochissime speranze, se non avessimo la possibilità di incontrarci ogni pochi minuti sui social network.

Dal digitale, condivisione e bellezza

Anche il nostro desiderio di evasione, di bellezza, se ne starebbe muto, in un angolo, aggravando la sensazione di privazione, di tempo sospeso, di vita sprecata.

In questi ormai trenta giorni, molti artisti si sono messi in moto per offrire ai reclusi occasioni di bellezza e partecipazione: dai concerti alla finestra dei maggiori artisti italiani, in diretta Facebook, ai concerti o alle parole di speranza delle grandi star di oltremare, basta pensare a Patty Smith: credo nessuno avesse mai avuto prima l’occasione di chattare con lei in diretta.

Pittori e illustratori hanno aperto corsi gratuiti in diretta Facebook, musicisti hanno insegnato a suonare strumenti, si sono moltiplicate le lezioni on line, dal marketing alle lingue.

Anche l’apertura virtuale dei musei ci ha fatto compagnia in queste giornate scure, per non parlare delle moltissime idee di condivisione, dai canti alle finestre ai messaggi “andrà tutto bene”. Per non parlare delle iniziative spontanee di solidarietà scaturite dalle pagine Facebook locali, a sostegno delle famiglie in difficoltà.

Il digitale ha dispiegato la sua potenza non lasciandoci soli.

Soprattutto ci ha trasmesso comprensione e condivisione, quella che un tempo avremmo potuto trovare in famiglia.

La potenza del digitale per un mondo nuovo

Ci ha suggerito idee per stare in casa, ci ha fornito forza e motivazione.

Mentre sembra che questa lunga notte non finisca mai, e ci sembra di essere ormai nell’abisso, le famiglie in difficoltà economica, le imprese che temono il fallimento, ci ha lasciato immaginare quale mondo emergerà dall’altra parte dell’abisso.

Ci ha fatto pensare, specialmente grazie ad alcuni intellettuali dissidenti, che non tornerà tutto come prima, perché il prima era male, e non bene. Saranno necessari cambiamenti strutturali necessari per riuscire a creare occupazione e respiro, quelli che ci sono mancati in questi anni di precarietà.

Lo sapevamo di essere ormai sul piano inclinato del mondo, pronti a scivolare giù: davanti a questa lunga notte che ci è toccata, forse le stesse persone che facevano affari e gestivano imprese, si sveglieranno diverse. La morte, come la guerra, è una grande livellatrice. Alla fine della Prima Guerra Mondiale, le classi privilegiate del Inghilterra compresero che la loro società divisa in classi sociali, si sarebbe dovuta trasformare, perché i soldati che combattevano accanto agli ufficiali, rischiando e morendo, non sarebbero ritornati alle loro condizioni di sottomissione e precarietà. L’Inghilterra di allora lo capì. E varò tutte le importanti riforme necessarie. Speriamo anche noi, usciti da questa quaresima, di trovare una vera Resurrezione umana.

By |2020-04-30T10:54:15+00:00aprile 20th, 2020|News|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
WhatsApp Chatta con noi
Chiama
Dove siamo
PORTFOLIO